adessocipenso


Vai ai contenuti

Menu principale:


Ineffabile

Musica > Claudio Procopio

Claudio Procopio Ineffabile

Quasi una raccolta di canzoni

ed. Fioriverdi2007

2 INEFFABILE
Parole di Francesco Mirarchi Musiche di Claudio Procopio

Stavo li Seduto li Sopra macerie Di realtà e non speravo più Poi com'è Come non è D'improvviso una uce spezza la noia L'oscurità in fondo all'anima Raccontar non saprei Con le mie parole Non potrei... Belle senza un perché Dalla via delle stelle Mille più mille scintille scendevano a me... Dentro me... Calmo come non mai Cuore al colmo di gioia Mille con mille pupille il cielo guardai... Ed amai... E' così Ma si è così Mi son convinto Che al mondo c'è un'altra verità... Solo se Soltanto se Noi sapremo aprire i nostri sensi Il nostro io all'ineffabile... Raccontar non potrei Con le mie parole Non saprei... Belle senza un perché Dalla via delle stelle Mille più mille scintille scendevano a me... Dentro me... Calmo come non mai Cuore al colmo di gioia Mille con mille pupille il cielo guardai... Ed amai... In modo semplice... Senza più limiti...


3
IO DICO
Parole di Francesco Mirarchi Musiche di Claudio Procopio

Se hai violato almeno una volta L'ordine stabilito... Se sei caduto almeno una volta Nel nulla più assoluto... Se sei entrato più di una volta Nel giardino proibito... Se sei venuto almeno una volta Con un ruggito.... Allora io di.co... Io di.co. che hai vissuto Che hai resistito a questo assurdo ciclo... Io di.co. che hai perduto ma con dignità Io di.co. che perfino la morte Alla fine si scuserà. Se hai toccato almeno una volta Il sole con un dito Se hai voluto almeno una volta Non essere mai nato Se hai amato almeno una volta Col cuore all'infinito... Se sei venuto almeno una volta Con un ruggito.... Allora io dico... Io dico che hai vissuto Che hai resistito a questo immenso schifo... Io di.co. che hai perduto ma con dignità Io di.co. che perfino la morte Alla fine si scuserà. Se ti sei guardato almeno una volta Negli occhi di un'altra/o Negli occhi di un'altra/o E ti sei riconosciuto E abbandonato e sei annegato E sei annegato... Io di.co. che hai vissuto e ti saluto Io di.co. che hai vissuto e ti saluto Io di.co. che hai vissuto e ti saluto Io di.co. che hai vissuto e ti saluto Allora io di.co... Io di.co. che hai vissuto Che hai resistito a questo immenso schifo... Io di.co. che hai perduto ma con dignità Io di.co. che perfino la morte Alla fine si scuserà.


4
NON CERCARMI
Parole e Musiche di Claudio Procopio

Dipingo su di me I colori che ho dei miei giorni Senza te Aspettando che Il tuo cuore sarà qui vicino a me Su di me Immaginando che Nuda su di me Non cercarmi mai Non cercarmi mai Proprio mai, mai, mai... Tu sei dentro di me Sei il respiro che mi dai Sei il vestito che mi porto addosso Il sorriso dei tuoi baci La tua pelle mia Voglio te, te Voglio solo te Tu sei tutto per me Sei la vita che ho La gioia che Regali a me Mi rende libero Di gridare che tu Sei l'amore mio... Sei la donna che Gioca ancora con me Con le favole Con le fragole Sei la donna che Io sognavo per me Non cercarmi mai Non cercarmi mai Proprio mai, mai, mai...


5
FAME E SETE
Parole di Francesco Mirarchi Musiche di Claudio Procopio

Avevo fame d'amore Ho trovato squallore Avevo sete d'eterno Ho trovato lo scherno. Ho sfidato il vuoto Ho sfidato l'ignoto Sul respiro di un passerotto Ho tentato l'infinito Ho tentato l'assoluto Sulle spalle di un pettirosso. Avevo fame di verità Ho trovato la falsità Avevo sete di umiltà Ho trovato la vanità. Ho sfidato il cielo Ho sfidato il sole Sulla linea di una stella Ho tentato l'umanità Ho tentato la felicità Sulle ali di una farfalla. Ero affamato Ero assetato Chi poteva immaginare Porca madosca! Che mi ero affidato Alle ali di una mosca? Chi poteva immaginare? La farfalla aspira al cielo La mosca alla terra La farfalla sogna il sole La mosca la merda. Avevo fame di bellezza Ho trovato volgarità Avevo sete di tenerezza Ho trovato bestialità. Ho tentato la sorte Ho sfidato la morte Come ombra nella caverna. Ho sfidato l'ignoranza Ho tentato la conoscenza Alla luce di una lanterna. Ero accecato Ero disperato Chi poteva immaginare Porca madosca! Che mi ero affidato Alle ali di una mosca? Chi poteva immaginare? Che ne è stato di me? Chiedetelo alla corda! Che ne è stato della mosca? Chiedetelo alla merda!


6
TUMORE
Parole di Francesco Mirarchi Musiche di Claudio Procopio

Questo non è un cuore Questo è un rancore E come un rancore Mi fa morire di dolore Mi giro verso il muro E piango Tutte le lacrime del mondo Questo non è amore Questo è un tumore E come un tumore Mi fa morire di terrore Mi giro verso il muro E piango Tutte le lacrime del mondo Mi giro verso il muro E piango Tutte le lacrime del mondo Ho smesso di tener duro E precipito Nel buio più profondo...


7
LA ZONA OSCURA
Parole di Francesco Mirarchi Musiche di Claudio Procopio

Si sa già l'entità delle stelle su di noi ma quasi niente della nostra mente. Che cos'è che mi fa fare cose contro la ragione della mia volontà? Come se non io ma chi non so decidesse per conto mio. Forse Dio il Tao il Caos o l'Es o forse è solo la mia pazzia. E' di là da venir la scoperta per schiarir la zona oscura che ci fa paura. Nella mia realtà il pensiero non mi ha guidato verso la verità. Come se non io ma chi non so riflettesse per conto mio. Forse Dio il Tao il Caos o l'Es o forse è solo la mia idiozia. Forse Dio il Tao il Caos o l'Es o forse è l'asino di mio zio.


8
IL CAPPOTTINO
Parole di Francesco Mirarchi Musiche di Claudio Procopio

Vederti ieri sera con quel cappottino Mi ha riportato alla mente La prima volta che siamo usciti insieme. Te lo ricordi? E il pezzo di strada fatto in silenzio? E la prima mano nella mia macchina? Te li ricordi ancora? Te li ricordi ancora... Troppe cose ti dovresti ricordare E tutto è successo due vite fa ormai. E ho provato un'acuta stretta al cuore Nel vedere che sotto quel cappottino Non c'era più nessuno. E il primo bacio sull'infinito? E il primo sesso nella casa gelata? Te li ricordi ancora? E la tua lettera? E i grandi discorsi? E la nostra isoletta? E le promesse? E i giuramenti?... Troppe cose ti dovresti ricordare E tutto è successo due vite fa ormai. E ho provato un'acuta stretta al cuore Nel vedere che sotto quel cappottino Non c'era più nessuno.


9
DUE AMICI
Parole di Pino Tierno Musiche di Claudio Procopio

Amici è quello che Siamo sempre stati Ma secondo me Già un po' innamorati Sempre in compagnia Ma con mille altri noi Da soli mai Qualche volta poi Come cani e gatti Litighiamo noi Che sembriamo matti Cosa inventerò Per farti capire che Sei un'altra cosa Quattro passi giù in città Ho deciso si sarà stasera che Te lo dico Fra un po' ti parlerò Io ti convincerò Come amici Non può andar bene Noi due amici No non conviene Mentre siamo qua Come faccio adesso Parli sempre tu Io così non posso Prima o poi dovrò Fare il primo passo Ma ho già paura Ad un certo punto poi Prima che dica di noi Riveli che Vuoi parlarmi È un sogno o che cos'è Mi stai dicendo che Come amici non è normale Noi due amici Se questo è amore Come amici Non può andar bene Noi due amici No non conviene


10
CALIBRO 7,65
Parole di Francesco Mirarchi Musiche di Claudio Procopio

L'agguato avverrà in Piazza della Concordia fra pochi minuti. L'uomo sta uscendo dall'ufficio chiude la porta alle sue spalle prende l'ascensore è in strada è già buio si avvicina alla sua auto sta già assaporando il momento in cui sarà a casa con la moglie con i figli che lo stanno aspettando la tavola è già apparecchiata ma a quella tavola l'uomo non si siederà mai. Due ragazzi a viso scoperto lo chiamano l'uomo si gira lo avvicinano e gli esplodono a bruciapelo e in rapida successione sei colpi di pistola calibro 7.65 l'uomo stramazza al suolo in una pozza di sangue fulminato. I due killer si allontanano velocemente a bordo di una moto di grossa cilindrata. I colpi d'arma da fuoco vengono uditi dagli inquilini dei palazzi vicini chiamano la polizia l'allarme scatta immediatamente sul luogo dell'omicidio arrivano i magistrati il procuratore capo dichiara: quanto accaduto è di una gravità inaudita è stata assassinata una persona capace onesta tenace, che si è sempre battuta contro l'ingiustizia bla bla bla... L'acqua nella pentola bolle da un pezzo ormai la donna comincia a preoccuparsi.


11
AI TANTI
Parole di Francesco Mirarchi Musiche di Claudio Procopio

Ai tanti che fanno d'ogni cosa un teorema che in casa si sentono forti ed escono appena. Ai tanti normali appiattiti sul nulla che a viver non sono mai pronti fuor dalla culla. Ai tanti che hanno nell'appoggio di un prete la formula certa per dare all'anima quiete. Ai tanti dannati che in fondo alla notte ci devono sempre arrivare con le ossa rotte. Forse già tu sai dove dormirai chi ti chiamerà "amore" e ti aiuterà. Ma non so se sai dove vanno mai tutti quelli che ancora gridan "Dio non c'è". Ai tanti partiti però controvoglia periti ma commemorati da chi c'imbroglia. Ai tanti cavalli sventrati in battaglia son morti da veri soldati ma nessuno ne parla... Forse già tu sai dove dormirai chi ti chiamerà "amore" e ti aiuterà. Ma non so se sai dove vanno mai tutti quelli che ancora gridan "Dio non c'è".


12
ADESSO PAGAMI
Parole e Musiche di Claudio Procopio

Ho speso la vita con te Con tutto il cuore Con tanto amore Ho speso la vita con te Tutto il mio tempo insieme a te Ho dato la vita per te Con tutto il cuore Offrendo amore Ho dato la vita per te Soffrendo dopo senza te Ma adesso pagami Se non rimane più niente Mio caro amore adesso pagami Che ho il cuore nullatenente Per questo amore dato pagami Anche se sono perdente Con gli interessi adesso pagami E non ti chiedo più niente Ho speso la vita con te Con tutto il cuore Con tanto amore Ho speso la vita con te Tutto il mio tempo insieme a te Ho fatto l'amore con te donando un fiore Unico amore Ho fatto l'amore con te Donando il fiore che c'era in me Dicevi baciami Sotto la luna nascente Dicevi amore adesso Stringimi Che non m'importa più niente Di questi baci amore saziami Almeno un bacio per dente Amore amore adesso Pagami E non ti chiedo più niente


13
HO BISOGNO DI TE
Parole e Musiche di Claudio Procopio

Una triste mattina Son venuta da te Ma la barca assassina Si è spezzata nel mar Annegandoci... Annegandomi... Ora sono Sirena E lavoro nel blu Ma la notte mi vendo Sulle rive del mar...e chiedo ... Hai bisogno di me... Hai bisogno di me... Il destino ha deciso La mia vita quaggiù Tra le stelle marine Ma il mio cuore dov'è? ...e dico ... Ho bisogno di te... Ho bisogno di te... Mi senti? Ho bisogno di te...si... Ho bisogno di te...si... ...dai...aiutami


14
RIVIVRO'
Parole di Francesco Mirarchi Musiche di Claudio Procopio

Luce del mattino quando più non vivrò portami al mare con te con gli occhi tuoi vedrò una volta in più il mio Ionio blu. Sole d'ogni notte tu promettimi che non sarai triste per me dimmi che canterai le canzoni che ho scritto per te. Penserai con il cuore mio Sentirai l'infinito come fossi io poi mi parlerai ti parlerò poi tacerò e in te rivivrò. Luna d'ogni giorno son certissimo che modo migliore non c'è di ricordare chi ora non c'è più ma l'amavi tu. Nuoterai con il corpo mio Guarderai l'orizzonte come fossi io poi ritornerai mi asciugherò mi sdraierò e in te rivivrò. Stella della sera non tremare così stringiti forte a me io sono ancora qui non ti lascerò finché vita avrò.

La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione totale o parziale, di tutto il materiale contenuto in questo sito, incluso il framing, i mezzi di riproduzione analogici e, in genere, la memorizzazione digitale sono espressamente vietate in assenza di autorizzazione scritta del titolare dei diritti.

© 2004 Claudio Procopio - FIORIVERDI

Home Page | Acquisto giochi | Giochi didattici | Chi sono | Animazione | Laboratori | Rassegna Stampa | Foto | Video | Fiere | tableat | Musica | Casa Tutti | Collaborazioni | Eventi | Links | Contatti | Mappa del sito


Menu di sezione:


Torna ai contenuti | Torna al menu